L'Ascesa al Calvario

Opera di Autore Ignoto
(Appartiene all'intero Popolo)

 

 

Il “Mistero della Veronica” o come popolarmente viene detto “ U’ Signuri ca Cruci ‘ncoddu” ( ut dicitur lo Cristo nostro che porta la cruci in collo) è il gruppo la cui concessione del 26 aprile 1612 è la più antica dell’intera collezione. Con tale atto, venne affidata ai borghesi, vinattieri e carrettieri (categorie identificate come “poveri iurnatari”). Il 23 aprile 1620 subentrarono i bottai e successivamente i fruttivendoli; dal 1772 è l’intero popolo a curarne la processione anche se, fino a qualche anno fa, erano i vinattieri, i carrettieri e gli agricoltori ad occuparsi della raccolta fondi.

storico 0003

 

Il gruppo è di autore ignoto anche se taluni studiosi propendono per attribuirlo alla scuola di Giuseppe Milanti.
Il Mistero raffigura Gesù mentre, con il pesante fardello della Croce,si accinge a percorrere la via che conduce al Calvario.
Due soldati trascinano e percuotono il condannato, il Cireneo sorregge la croce, mentre la Veronica deterge il volto sudato del Cristo.

 

 storico 0001

 

L’attuale statua del Cristo venne rifatta nel 1903 da Antonino Giuffrida e sostituì la precedente opera di Pietro Croce e oggi è collocata nella Chiesa di Santa Maria del Gesù.

Pregevoli sono nel gruppo le rifiniture argentee, tra le quali giova ricordare l’immagine del Cristo impressa nel fazzoletto della Veronica, l’armatura del soldato eseguita alla fine del ‘700 da Michele Tumbarello e la preziosa Croce, capolavoro di cesellatura, ultimata dal’incisore Gaetano Parisi nel 1751. 

L’Ascesa al Calvario, anche per i numerosi e grossi ceri votivi è il gruppo più pesante dell’intera serie e durante la processione molti uomini si sostituiscono ai portatori per contribuire al trasporto. 
Un’autentica e spontanea devozione, anche se inferiore a quella di un tempo, accompagna “U’ Signori ca cruci ‘ncoddu” ed unitamente alla statua di Maria Addolorata, suscita una particolare commozione tra i trapanesi.
La Processione è particolarmente seguita: da notare come lo stendardo del gruppo è l’unico dell’intera sfilata a non essere di colore nero, bensì granata e oro con la scritta “S.P.Q.R.”. Nel 1995 il gruppo è stato sottoposto ad un restauro conservativo con la doratura della “vara” e la pulitura dei vari strati di 
vernice depositatisi sulle statue.

 

 

 

Il Cristo sostituito custodito nella chiesa di Santa Maria di Gesù a Trapani

 

 

storico 0002

 

 

Traduttore

Processione Misteri di Trapani 2018 30.03.2018 14:00

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo